Crea sito

Infarto Miocardico Newsletter

 

ALERT Infarto miocardico !
Top News / Possibile rischio di infarto miocardico con medicinali a base di Testosterone

L’FDA sta indagando sul rischio di eventi cardiovascolari con i prodotti a base di Testosterone

La FDA ( Food and Drug Administration ) sta compiendo indagini riguardo al rischio di ictus, infarto miocardico e mortalità negli uomini che assumono prodotti, approvati dall’Agenzia regolaria statunitense, a base di Testosterone.L’FDA ha deciso di riesaminare la sicurezza di questi medicinali sulla base della recente pubblicazione di due studi che hanno indicato […]

Altre News

Aspirazione del trombo durante infarto del miocardio con sopraslivellamento del tratto ST

L’effetto clinico della aspirazione intracoronarica di routine del trombo prima dell’intervento coronarico percutaneo ( PCI ) nei pazienti con infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST ( …

Angioplastica preventiva nel infarto del miocardio

Nell’infarto acuto del miocardio con sopraslivellamento del tratto ST ( STEMI ), l’uso di intervento coronarico percutaneo ( PCI ) per il trattamento della arteria responsabile dell’infarto ( arteria …

Sildenafil e disfunzione diastolica dopo infarto miocardico acuto con frazione di eiezione conservata

La disfunzione diastolica è di frequente riscontro dopo infarto miocardico ed è caratterizzata da un aumento sproporzionato della pressione di riempimento durante l’esercizio fisico per mantenere la g

Defibrillatore cardioverter indossabile nei pazienti ad alto rischio di arresto cardiaco precoce post-infarto

Uno studio ha descritto l’uso del defibrillatore cardioverter esterno indossabile ( WCD ) durante i periodi di attesa dopo infarto miocardico per i pazienti ad alto rischio di arresto cardiaco improvv …

 

MediExplorer: motore di ricerca EASY & FAST
 

Ictus trombotico e infarto del miocardio con la contraccezione ormonale

Benché molti studi abbiano valutato il rischio di tromboembolismo venoso con i più nuovi farmaci per la contraccezione orale, pochi hanno esaminato l’ictus trombotico e l’infarto del miocardio, e i risultati sono contrastanti.In uno studio … Leggi

Interruzione di Aspirina a basso dosaggio e rischio di infarto del miocardio

Uno studio nidificato caso-controllo ha valutato il rischio di infarto miocardico e morte per malattia coronarica dopo la sospensione di Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) a basso dosaggio nei pazienti sottoposti a cure primarie con una storia di … Leggi

Acidi grassi n-3 ed eventi cardiovascolari dopo infarto del miocardio

I risultati di studi prospettici di coorte, randomizzati e controllati, hanno fornito le prove dell’effetto protettivo degli Acidi grassi n-3 contro le malattie cardiovascolari.Uno studio ha esaminato l’effetto degli Acidi grassi Omega-3 ( PUFA n-3 … Leggi

Infarto del miocardio e ictus associati a regimi antipertensivi a due farmaci basati sui diuretici

Uno studio di popolazione e caso-controllo ha esaminato l’associazione di infarto miocardico e ictus incidente con molti regimi a base di farmaci anti-ipertensivi comunemente utilizzati.I casi ( n=353 ) avevano un’età compresa tra 30 e 79 … Leggi

Sindrome coronarica acuta: Prasugrel più efficace di Clopidogrel nel ridurre l’incidenza di infarto del miocardio spontaneo e procedurale

Prasugrel ( Efient ) è una tienopiridina che riduce nuovi o ricorrenti infarti del miocardio rispetto al Clopidogrel ( Plavix ) nei pazienti con sindromi coronariche acute che si sottopongono a intervento coronarico percutaneo ( PCI ).Questo … Leggi

Aggiornamento su Infarto Miocardico by Xagena

ALERT Infarto miocardico !
Top News / Post-infarto miocardico: il trattamento con Ticagrelor riduce il rischio di morte cardiovascolare, infarto miocardico, o ictus

Uso di Ticagrelor a lungo termine in pazienti con precedente infarto miocardico

Non è stato stabilito il potenziale beneficio della doppia terapia antiaggregante dopo un 1 anno da un infarto miocardico. E’ stata studiata l’efficacia e la sicurezza di Ticagrelor ( Brilique ), un …

News

Sicurezza del blocco di interleuchina-1 con Anakinra nei pazienti con infarto miocardico acuto con sopraslivellamento ST

Due studi pilota, VCU-ART e VCU-ART2, sul blocco di interleuchina-1 ( IL-1 ) nell’infarto miocardico con sopraslivellamento ST ( STEMI ) hanno mostrato risposta infiammatoria acuta attenuata ed esiti …

Associazione tra FANS e rischio di sanguinamento e di eventi cardiovascolari nei pazienti trattati con terapia antitrombotica dopo infarto miocardico

Il trattamento antitrombotico è indicato per l’uso in pazienti dopo infarto del miocardio; tuttavia, l’uso concomitante di farmaci anti-infiammatori non steroidei ( FANS ) potrebbe porre dei problemi …

Infarto STEMI: PCI primario con o senza trombectomia manuale di routine

Durante un intervento coronarico percutaneo ( PCI ) primario, la trombectomia manuale può ridurre l’embolizzazione distale e migliorare così la perfusione microvascolare. Piccoli studi hanno suggeri …


Focus On: Farmaci antinfiammatori & Rischio di infarto o ictus

Gli antinfiammatori non-steroidei, ad eccezione dell’Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ) possono causare infarto miocardico o ictus. L’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti avvisa i pazienti a prestare attenzione ai segni premonitori di questi eventi cardiovascolari:  i pazienti che assumono FANS devono rivolgersi immediatamente al proprio medico in caso di sintomi come dolore al petto, mancanza di respiro o difficoltà respiratorie, debolezza in una parte o su un lato del corpo, o difficoltà a parlare

I pazienti che assumono farmaci antinfiammatori non-steroidei, ad esclusione dell’Aspirina, hanno una più alta probabilità di essere colpiti da infarto miocardico o da ictus

La FDA ( Food and Drug Administration ) sta rafforzando l’avvertenza riguardo all’aumentato rischio di infarto del miocardio o di ictus dall’assunzione di farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS …

FarmaExplorer: il Motore di ricerca per i Medici

Infarto miocardico Newsletter

ALERT Infarto miocardico !
Il Punto 

Post-infarto: beta-bloccanti a dosi più basse di quelle raccomandate riducono la mortalità

I pazienti trattati con beta-bloccanti a dosaggi bassi dopo infarto acuto del miocardio sembrano presentare un tasso di sopravvivenza sostanzialmente uguale rispetto ai pazienti che assumono beta-bloc …

Top News

Il trattamento a lungo termine con Ticagrelor riduce gli eventi aterotrombotici nei pazienti con infarto miocardico

Una sottoanalisi dello studio PEGASUS-TIMI 54, che ha valutato l’efficacia di Ticagrelor ( Brilinta, Brilique ) nel ridurre gli eventi aterotrombotici nei pazienti che hanno subito un infarto miocardi …

News

Alti valori di proteina C-reattiva sono in grado di predire la mortalità e l’infarto miocardico a lungo termine dopo procedura PCI

Livelli elevati di proteina C-reattiva ( CRP ) al momento della procedura PCI ( intervento coronarico percutaneo ) sono risultati predittivi di mortalità per qualsiasi causa e infarto miocardico a 10 …

Antagonisti dell’aldosterone, nessun beneficio nei pazienti con infarto miocardico acuto senza insufficienza cardiaca

L’aggiunta di antagonisti dei recettori mineralcortoidi ( MRA ) alla terapia standard non offre alcun beneficio nei pazienti con infarto miocardico acuto ( MI ) senza insufficienza cardiaca, secondo l …

Defibrillatore cardioverter impiantabile nei pazienti con bassa frazione di eiezione dopo infarto miocardico acuto

I defibrillatori cardioverter impiantabili ( ICD ) non sono raccomandati entro 40 giorni dall’infarto del miocardio; in tal modo, l’impianto di ICD potrebbe non essere preso in considerazione durante …


Focus On: Artroplastica dell’anca e del ginocchio & Infarto miocardico

Aumentato rischio precoce di infarto miocardico dopo artroplastica totale dell’anca e del ginocchio

Da uno studio è emerso un aumentato rischio di infarto miocardico nel periodo postoperatorio tra i pazienti sottoposti ad artroplastica totale per osteoartrosi. Tuttavia questo rischio si riduce nel c …


FarmaExplorer.it: il database di news per i Medici

 

Infarto miocardico Newsletter

ALERT Infarto miocardico !
Top News / Dimensione infartuale e mortalità

La dimensione dell’infarto miocardico post-PCI predittiva di mortalità a 1 anno

Un’analisi aggregata di 10 studi ha mostrato che la dimensione dell’infarto miocardico dopo intervento coronarico percutaneo ( PCI ) primario per infarto STEMI ( infarto miocardico con sopraslivellame …

Altre News

Assunzione di fibra alimentare e mortalità tra i sopravvissuti a infarto del miocardio

Sono state valutate le associazioni tra assunzione di fibra alimentare dopo infarto miocardico e le variazioni nel consumo di fibra alimentare prima e dopo l’infarto del miocardio con la mortalità per …

Effetto della Metformina sulla funzione ventricolare sinistra dopo infarto miocardico acuto nei pazienti senza diabete

Il trattamento con Metformina ( Glucophage, MetBay ) è associato a un miglioramento dell’esito dopo infarto miocardico nei pazienti con diabete. Negli studi sperimentali sugli animali la Metformina …

Infarto miocardico con sopraslivellamento ST complicato da fibrillazione ventricolare: caratteristiche cliniche, fattori di rischio, e trattamento

La fibrillazione ventricolare è una delle più gravi complicanze dell’infarto miocardico acuto, con un alto tasso di mortalità.Non è noto l’effetto della trombolisi di salvataggio nell’infarto STEMI ( …


MediExplorer.it: il database di Notizie validate per i Medici

Cellule derivate da cardiosfere per via intracoronarica dopo infarto miocardico

Sono stati riportati i risultati completi a 1 anno con analisi dettagliata della risonanza magnetica e determinanti di efficacia dello studio prospettico, randomizzato, controllato CADUCEUS ( CArdiosphere-Derived aUtologous stem CElls to reverse … Leggi

Zontivity per ridurre il rischio di infarto miocardico e di ictus nei pazienti ad alto rischio, approvato dalla FDA

La FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato Zontivity ( Vorapaxar ) compresse per ridurre il rischio di infarto miocardico, ictus, morte cardiovascolare, e la necessità di procedure per ripristinare il flusso di sangue al cuore in pazienti … Leggi

Pazienti con infarto miocardico sottoposti a intervento coronarico primario: Eparina da preferire a Bivalirudina

Uno studio ha messo a confronto i risultati di due farmaci usati per prevenire la formazione di coaguli ematici durante il trattamento d’emergenza dell’infarto miocardico. Lo studio ha mostrato che l’uso di uno dei farmaci, Eparina, potrebbe … Leggi

Le statine possono ridurre l’incidenza di infarto miocardico e di ictus nei pazienti anziani senza storia di malattia cardiovascolare

Una meta-analisi, eseguita da ricercatori della Università Federico II di Napoli, che ha valutato l’uso delle statine ( note anche come inibitori di HMG-CoA reduttasi ) nei pazienti anziani senza storia di malattia cardiovascolare, ha indicato una … Leggi

Infarto miocardico senza preesistente scompenso cardiaco, Eplerenone, un antagonista del aldosterone, migliora gli esiti cardiovascolari

La somministrazione precoce del Eplerenone ( Inspra ), un antagonista del aldosterone, può contribuire a migliorare gli esiti cardiovascolari nei pazienti con infarto miocardico acuto con sopraslivellamento del tratto ST ( STEMI ) senza … Leggi

Infarto miocardico Newsletter

ALERT Infarto miocardico !
 
Top News / FDA: uso non-corretto dei medicinali a base di Testosterone e rischio di infarto miocardico e di ictus
 

L’FDA ha messo in guardia sull’utilizzo di prodotti a base di Testosterone per bassi valori di testosterone a causa dell’invecchiamento: possibile aumento del rischio di infarto miocardico e di ictus

La Food and Drug Administration ( FDA ) ha richiesto ai produttori di tutti i medicinali approvati a base di Testosterone di cambiare la scheda tecnica in modo da chiarire i corretti impieghi di quest …

Nuovi antiaggreganti piastrinici
 

Pazienti che necessitano di un intervento coronarico percutaneo: Cangrelor presenta un profilo rischio-beneficio favorevole se impiegato in combinazione con Bivalirudina

Uno studio ha esaminato l’efficacia e gli esiti di sanguinamento di Cangrelor ( Kengrexal ) nei pazienti dello studio CHAMPION PHOENIX ( A Clinical Trial Comparing Cangrelor to Clopidogrel Standard Th …

News
 

Pazienti post-infartuati: la resistenza all’insulina predice il rischio di eventi coronarici ricorrenti

I ricercatori hanno studiato il rischio di eventi coronarici ricorrenti associati alla resistenza all’insulina nei pazienti post-infartuati che avevano preso parte allo studio THROMBO ( Thrombogenic F …

 

Ticagrelor prima del ricovero per infarto del miocardico con sopraslivellamento del segmento ST

L’antagonista ad azione diretta del recettore piastrinico P2Y12 Ticagrelor ( Brilique ) può ridurre l’incidenza di eventi cardiovascolari avversi quando viene somministrato al momento del ricovero in …

Focus On: Morfina

Infarto STEMI, la somministrazione per via endovenosa della Morfina prima della procedura PCI è indipendentemente associata a successo sotto-ottimale della riperfusione

La Morfina per via endovenosa ( IV ) ha dimostrato di essere associata in modo indipendente a esiti clinici avversi nei pazienti con infarto non-STEMI. Attualmente, non ci sono dati sulla associazio …

Pazienti con infarto miocardico acuto con sopraslivellamento ST sottoposti a intervento coronarico percutaneo: la Morfina è associata a una ritardata attività degli antipiastrinici orali

La Morfina è raccomandata nei pazienti con infarto miocardico con sopraslivellamento ST ( STEMI ), inclusi quelli sottoposti a intervento coronarico percutaneo ( PCI ). L’effetto antiaggregante non- …

Focus On: Prevenzione cardiovascolare

L’aggiunta di Ezetimibe alla Simvastatina permette di ridurre l’incidenza di ictus e di infarto miocardico nei pazienti con sindrome coronarica acuta

Non era stato ancora dimostrato che ridurre i livelli di colesterolo LDL al di sotto degli obiettivi stabiliti dalle lineeguida ( valore inferiore a 100 mg/dl per la popolazione generale, valore inferiore a 70 per i pazienti a rischio elevato ), con … Leggi


Evidence-based Medicine 
 

EBM, una branca della Medicina che si propone di facilitare le decisioni diagnostiche e terapeutiche, con risvolti anche nella gestione delle risorse economiche .

Per iscriversi alla Newsletter Evidence Medicine in inglese

Coloro che sono GIA’ ISCRITTI ad altre Newsletter Xagena possono accedere al Pannello di Controllo al sito XagenaWeb.it
 inserendo l’indirizzo e-mail con il quale ricevono le Newsletter e la Password personale [ RIPORTATA IN FONDO A OGNI NEWSLETTER ]  E’ importante confermare la modifica cliccando sul tasto SALVA MODIFICA

FarmaExplorer.it: il database di news

per i Medici

Effetto della Metformina sulla funzione ventricolare sinistra dopo infarto miocardico acuto nei pazienti senza diabete

Il trattamento con Metformina ( Glucophage, MetBay ) è associato a un miglioramento dell’esito dopo infarto miocardico nei pazienti con diabete. Negli studi sperimentali sugli animali la Metformina preserva la funzione ventricolare … Leggi

Infarto miocardico con sopraslivellamento ST complicato da fibrillazione ventricolare: caratteristiche cliniche, fattori di rischio, e trattamento

La fibrillazione ventricolare è una delle più gravi complicanze dell’infarto miocardico acuto, con un alto tasso di mortalità.Non è noto l’effetto della trombolisi di salvataggio nell’infarto STEMI ( infarto miocardico con … Leggi

Le statine possono ridurre l’incidenza di infarto miocardico e di ictus nei pazienti anziani senza storia di malattia cardiovascolare

Una meta-analisi, eseguita da ricercatori della Università Federico II di Napoli, che ha valutato l’uso delle statine ( note anche come inibitori di HMG-CoA reduttasi ) nei pazienti anziani senza storia di malattia cardiovascolare, ha indicato una … Leggi