Crea sito

Neurologia Newsletter

ALERT Neurologia !
Top News / Scoperto un collegamento tra cervello e sistema linfatico. Un riconoscimento all’intuizione di Paolo Zamboni dell’Università di Ferrara.
L’importante scoperta, pubblicata su Nature, potrebbe modificare il trattamento dell’Alzheimer e della sclerosi multipla
L’opinione di Paolo Zamboni

La scoperta del sistema linfatico del cervello

Nell’ultimo numero di Nature Antoine Louveau e un gruppo di ricercatori dell’University of Virginia ( Stati Uniti ), hanno pubblicato un articolo con scoperte fortemente innovative riguardante il sist …

Le recenti scoperte

Vasi linfatici del sistema nervoso centrale: caratteristiche strutturali e funzionali

Una delle caratteristiche del sistema nervoso centrale è la mancanza di un sistema di drenaggio linfatico classico. Anche se è oramai accettato che il sistema nervoso centrale sia sottoposto in modo …

Collegamento tra cervello e sistema linfatico

In uno studio pubblicato su The Journal of Experimental Medicine, ricercatori che svolgono la propria attività presso il Research Institute Wihuri e l’Università di Helsinki, hanno riportato una scope …

Registro GLORIA: risultati intermedi in un sottogruppo di pazienti con malattia di Parkinson avanzata e con discinesia al basale trattati con gel intestinale a base di Levodopa – Carbidopa

Il gel intestinale a base di Levodopa – Carbidopa ( LCIG; Europa: Duodopa; USA: Duopa ) è stato valutato per il trattamento della discinesia in un sottogruppo di pazienti con malattia di Parkinson in …

Focus On: Tumore del testa-collo

Efficacia di Pembrolizumab nel tumore testa-collo ricorrente o metastatico

Al 51° Meeting dell’American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) sono stati presentati i nuovi dati dello studio di fase 1b KEYNOTE-012 su Pembrolizumab ( Keytruda ), un anticorpo monoclonale dirett …


News

Antibiotici preventivi per ictus: nessun effetto del Ceftriaxone nella fase acuta

Negli adulti con ictus acuto si verificano comunemente infezioni e sono associate a un esito funzionale sfavorevole. Lo studio PASS ( Preventive Antibiotics in Stroke Study ) ha cercato di stabilire …

Uso iniziale di un nuovo stimolatore del nervo vago non-invasivo per trattamento della cefalea a grappolo

È stata riportata una esperienza iniziale con un nuovo dispositivo portatile progettato per fornire stimolazione transcutanea del nervo vago, non-invasiva, acutamente e preventivamente, come trattamen …

Albumina glicata predice l’effetto della terapia antiaggregante doppia e singola su ictus ricorrente

È stato determinato il rapporto tra albumina glicata ( GA ) e ricorrenza di ictus nei pazienti in trattamento con terapia antiaggregante doppia o singola. Lo studio CHANCE ( Clopidogrel in High-Ris …

Sicurezza, tollerabilità ed efficacia di PBT2 nella malattia di Huntington

PBT2 è un composto che attenua il legame proteina-metallo e che potrebbe ridurre l’aggregazione metallo-indotta nella malattia di Huntigton mutata e ha prolungato la sopravvivenza in un modello murino …

Farmacovigilanza

Sclerosi multipla: Tysabri e leucoencefalopatia multifocale progressiva. Avviata la revisione

L’EMA ( European Medicines Agency ) ha iniziato una revisione del prodotto medicinale Tysabri ( Natalizumab ) impiegato nel trattamento della sclerosi multipla. Lo scopo di questa revisione è quell …

Neurologia Newsletter

ALERT Neurologia !
Top News / Nuovo farmaco per la malattia di Parkinson

Safinamide, un nuovo farmaco per la malattia di Parkinson

Il Comitato scientifico dell’EMA ( European Medicines Agency ) ha dato parere favorevole all’autorizzazione al commercio di Safinamide ( Xadago ) per il trattamento dei pazienti affetti da malattia di …

Food and Drug Administration

Duopa, sospensione in gel per via enterica di Levodopa e Carbidopa per la malattia di Parkinson

La Food and Drug Administration ( FDA ) ha approvato la sospensione in gel per via enterica Levodopa / Carbidopa ( Duopa ) per il trattamento delle fluttuazioni motorie nei pazienti con malattia di Pa …

Focus On: Malattia di Parkinson

Assunzione di grassi nella dieta e rischio di malattia di Parkinson

Studi epidemiologici precedenti hanno prodotto risultati inconsistenti per quanto riguarda l’associazione tra assunzione di grassi nella dieta e rischio di malattia di Parkinson. Sono state esaminat …

Formulazioni di terapia ormonale e rischio di malattia di Parkinson

La terapia ormonale rappresenta una classe di farmaci ampiamente prescritti alle donne nel mondo occidentale. Studi su modelli animali e in vitro hanno mostrato che gli estrogeni possono proteggere …

Aumento di peso in seguito a stimolazione cerebrale profonda del nucleo subtalamico

Diverse ipotesi sono state avanzate per spiegare l’aumento di peso dopo la stimolazione cerebrale profonda ( DBS ), ma nessuna fornisce una spiegazione pienamente soddisfacente di questo effetto avver …

Focus On: Sclerosi multipla

Forte associazione positiva tra sclerosi multipla e disturbo bipolare e depressione

I disturbi psichiatrici sono noti per essere prevalenti nella sclerosi multipla. L’obiettivo di uno studio è stato quello di esaminare le comorbidità tra la sclerosi multipla e il disturbo bipolare, l …

Sclerosi multipla: associazione tra livelli di IgG 1 anti-EBNA e attività di malattia

Precedenti report avevano indicato una associazione tra livelli di anticorpi contro il virus di Epstein-Barr ( EBV ) e l’attività di malattia nella sclerosi multipla ( SM ), ma i risultati non erano u …

Farmacovigilanza

Farmaci contenenti Valproato associati a rischio di esiti avversi in gravidanza

L’EMA ( European Medicines Agency ) e l’AIFA in accordo con i titolari della autorizzazione all’immissione in commercio hanno fornito nuove importanti informazioni con l’obiettivo di rafforzare le av …

Evidence-based Medicine

EBM, una branca della Medicina che si propone di facilitare le decisioni diagnostiche e terapeutiche, con risvolti anche nella gestione delle risorse

Acute ischemic stroke: intraarterial treatment administered within 6 hours after stroke onset was effective and safe

In patients with acute ischemic stroke caused by a proximal intracranial arterial occlusion, intraarterial treatment is highly effective for emergency revascularization. However, proof of a beneficial …

Patients with recent lacunar stroke: cognitive function is not affected by short-term dual antiplatelet treatment or blood pressure reduction

The primary outcome results for the SPS3 trial suggested that a lower systolic target blood pressure ( less than 130 mm Hg ) might be beneficial for reducing the risk of recurrent stroke compared with …

Per iscriversi alla Newsletter Evidence Medicine in inglese

Coloro che sono GIA’ ISCRITTI ad altre Newsletter Xagena possono accedere al Pannello di Controllo al sitoXagenaWeb.it
inserendo l’indirizzo e-mail con il quale ricevono le Newsletter e la Password personale [ RIPORTATA IN FONDO A OGNI NEWSLETTER ]  E’ importante confermare la modifica cliccando sul tasto SALVA MODIFICA

FarmaExplorer.it: il database di news per i Medici

Statine nella prevenzione della demenza e della malattia di Alzheimer

Studi hanno dimostrato che le statine potrebbero prevenire la demenza e la malattia di Alzheimer, ma l’evidenza non è conclusiva.E’stata condotta una meta-analisi per valutare qualsiasi beneficio delle statine nel prevenire la demenza. Un …Leggi

Fibrillazione atriale non-valvolare: l’FDA ha riconfermato la sicurezza di Pradaxa – L’inibitore diretto della trombina associato a un più basso rischio di ictus e di mortalità rispetto al Warfarin

La FDA ( Food and Drug Administration) ha completato un nuovo studio nei pazienti Medicare confrontando due anticoagulanti, Pradaxa ( Dabigatran etexilato ) e Warfarin ( Coumadin ), riguardo al rischio di ictus ischemico, emorragie cerebrali, gravi …Leggi

Edoxaban presenta un vantaggio di sicurezza rispetto al Warfarin nella prevenzione dell’ictus nei pazienti con fibrillazione atriale non-valvolare

Il nuovo inibitore orale del fattore Xa, Edoxaban ( Lixiana, Savaysa ), è risultato efficace quanto il Warfarin ( Coumadin ) nel prevenire l’ictus nei pazienti con fibrillazione atriale non-valvolare con un vantaggio significativo di …Leggi

 

Ictus Newsletter

ALERT Ictus !
Top News / Terapia endovascolare per l’ictus

Studio REVASCAT: successo della terapia endovascolare con stent retriever Solitaire nei pazienti con ictus causato da occlusione prossimale dei grandi vasi trattati entro 8 ore

Nello studio REVASCAT, la trombectomia meccanica con un sistema di stent retriever ( Solitaire ) ha portato a un miglioramento dei risultati rispetto alla trombolisi solo nei pazienti con ictus acuto …

Approfondimento

Terapia endovascolare per ictus ischemico con imaging di perfusione

Gli studi sulla terapia endovascolare per l’ictus ischemico hanno prodotto risultati variabili. È stato condotto uno studio per verificare se una selezione più avanzata di imaging, dispositivi di …

Trattamento endovascolare rapido per ictus ischemico

Tra i pazienti con occlusione vasale prossimale nel circolo anteriore, il 60-80% muore entro 90 giorni dalla insorgenza dell’ictus o non riconquista l’indipendenza funzionale nonostante il trattamento …

Riabilitazione neurologica

Ictus: il Programma di riabilitazione intensivo iniziato molto precocemente può essere dannoso

Un Programma riabilitativo altamente intensivo e molto precoce in pazienti colpiti da ictus appare associato a una minore probabilità di ottenere un esito favorevole a 3 mesi rispetto alla procedura s …

Fibrillazione atriale non-valvolare: prevenzione dell’ictus

Lixiana ha ricevuto parere positivo del CHMP per la prevenzione dell’ictus e dell’embolia sistemica nella fibrillazione atriale non-valvolare e per il trattamento e la prevenzione delle recidive di tromboembolismo venoso in Europa

Il Comitato europeo per i medicinali per uso umano ( CHMP ) ha raccomandato l’approvazione di Lixiana ( Edoxaban ), un inibitore orale selettivo del fattore Xa, per la prevenzione di ictus e di emboli …

Neuroprotezione

Uso di Magnesio solfato preospedaliero come neuroprotezione per ictus acuto

Il Magnesio solfato è neuroprotettivo in modelli preclinici di ictus e ha mostrato segnali di potenziale efficacia, con un profilo di sicurezza accettabile quando somministrato subito dopo l’insorgenz …


 Per iscriversi alla Newsletter Evidence Medicine in inglese

Coloro che sono GIA’ ISCRITTI ad altre Newsletter Xagena possono accedere al Pannello di Controllo al sito XagenaWeb.it inserendo l’indirizzo e-mail con il quale ricevono le Newsletter e la Password personale [ RIPORTATA IN FONDO A OGNI NEWSLETTER ]  E’ importante confermare la modifica cliccando sul tasto SALVA MODIFICA
 

 

FarmaExplorer.it: il database di news

per i Medici

Gli anticoagulanti orali sottoutilizzati nella prevenzione dell’ictus nei pazienti con fibrillazione atriale non-valvolare

I dati dal Registro GLORIA-AF hanno indicato che i pazienti con fibrillazione atriale non-valvolare ad alto rischio di ictus sono sottotrattati con gli anticoagulanti orali, e in questa popolazione di pazienti la terapia iniziale non è spesso … Leggi

L’Acido Folico associato a un Ace inibitore può ridurre il rischio di primo ictus nelle persone affette da ipertensione

Una supplementazione a base di Acido Folico associata a un farmaco antipertensivo ( Ace inibitore ) può rappresentare un modo efficace per ridurre il rischio di primo ictus tra gli adulti con alta pressione sanguigna. L’ipertensione è un noto … Leggi

Fibrillazione atriale persistente e di lunga durata: i pazienti ad alto rischio di ictus e di embolia sottoposti a cardioversione elettrica: Dabigatran versus Warfarin

L’anticoagulante orale Dabigatran ( Pradaxa ) rappresenta una possibile alternativa, prima e dopo la cardioversione elettrica, al Warfarin ( Coumadin ). I ricercatori hanno analizzato i dati raccolti prima e dopo la cardioversione elettrica in … Leggi

Sclerosi multipla Newsletter

ALERT Sclerosi multipla !
Top News / Trapianto di cellule staminali

Cellule staminali per il trattamento dei pazienti con sclerosi multipla secondaria progressiva

Uno studio clinico di fase 2 ha messo a confronto il trapianto autologo di cellule staminali ematopoietiche ( AHSCT ) e il Mitoxantrone ( Novantrone ) nel trattamento di pazienti con sclerosi multipla …

Terapie sperimentali

Un passo verso il trattamento della sclerosi multipla ? Un anti-Lingo-1 ripristina la mielina nella neurite ottica acuta

Sono stati pubblicati i risultati dello studio di fase 2 AON ( acute optic neuritis ) RENEW. Lo studio ha valutato un anti-LINGO-1, un farmaco che ripristina la mielina. I risultati dello studio ha …

Speciale CCSVI – A cura di Alessandro Rasman

Micro-depositi di calcio nelle malformazioni venose tronculari a livello delle giugulari rivelate da tecniche XRF con luce di sincrotrone

E’ stato dimostrato che la vena giugulare interna può presentare anomalie classificate come malformazioni venose tronculari ( TVM ). La ricerca di eventuali anomalie morfologiche e biochimiche a li …

Il tempo della circolazione cerebrale è prolungato e non si correla con la scala EDSS nella sclerosi multipla

La letteratura ha indicato che i pazienti con sclerosi multipla sono interessati a cambiamenti nella circolazione a livello cerebrale. Ricercatori dell’Ospedale universitario Santa Maria alle Scotte …

News

Il trattamento con Fampridina SR ha effetti significativi su diversi domini, tra cui la parte superiore e inferiore del corpo e la funzione cognitiva

Uno studio ha valutato l’effetto della Fampridina a lento rilascio ( SR ) ( Fampyra ) su più misure di esito, e ha confrontato la responsività ai test SSST ( Step Test Six Spot ) e T25FW ( Timed 25 F …

Sclerosi multipla: l’espressione di miRNA a livello sierico è un possibile marcatore di rischio per la leucoencefalopatia multifocale progressiva associata a Natalizumab

Natalizumab ( Tysabri ) ha dimostrato di essere efficace nel ridurre le recidive di sclerosi multipla e la progressione della disabilità; tuttavia, il farmaco è risultato associato a un aumentato risc …

FarmaExplorer: il Motore di ricerca sui farmaci per i Medici

Efficacia del Peginterferone beta-1a nella sclerosi multipla recidivante-remittente dopo 48 settimane di trattamento

Lo studio di fase III ADVANCE ha valutato la sicurezza e l’efficacia del Peginterferone beta-1a ( Plegridy ), somministrato per via sottocutanea alla dose di 125 mcg una volta ogni due o quattro settimane, rispetto al placebo, nel trattamento … Leggi

Effetti della Cannabis sulle capacità cognitive nei pazienti con sclerosi multipla

Sono stati determinati i correlati funzionali e strutturali di neuroimaging di disfunzioni cognitive associate con l’uso di Cannabis nella sclerosi multipla. In uno studio trasversale, 20 soggetti con sclerosi multipla che fumavano Cannabis e 19 … Leggi

Sclerosi multipla recidivante: RPC1063, un modulatore del recettore S1P, sembra avere una bassa incidenza di reazioni avverse a livello cardiaco

I risultati di uno studio di fase II, RADIANCE, riguardo al farmaco sperimentale, RPC1063, per il trattamento della sclerosi multipla recidivante dotato dello stesso meccanismo di Fingolimod ( Gilenya ) sono stati presentati al Congresso annuale … Leggi

Alemtuzumab: mantenimento dell’effetto in più di due terzi dei pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente a 4 anni

I risultati intermedi del secondo anno dello studio di estensione di Alemtuzumab ( Lemtrada ) per la sclerosi multipla sono stati presentati al Meeting ECTRIMS ( European Committee for Research and Treatment in Multiple Sclerosis ). In questa … Leggi

Sclerosi multipla: test basato sulla L-selectina per identificare i pazienti a rischio di leucoencefalopatia multifocale progressiva con Natalizumab

Un nuovo test sembra essere in grado di stratificare i pazienti con sclerosi multipla a rischio di leucoencefalopatia multifocale progressiva ( PML ), mentre sono in trattamento con Natalizumab ( Tysabri ). Il test si basa sull’evidenza che i … Leggi

Effetto del Alfacalcidolo sulla fatica nei pazienti con sclerosi multipla

Uno studio ha valutato l’effetto di un analogo della vitamina D, Alfacalcidolo, sulla fatigue nella sclerosi multipla. La fatica è uno dei sintomi più comuni e invalidanti della sclerosi multipla, non responder in modo efficace alle attuali … Leggi

Neurologia Newsletter di Aggiornamento

ALERT Neurologia !
Dispositivi medici in Neurologia: emicrania e epilessia

Cefaly: efficace trattamento non-farmacologico per i pazienti con emicrania

Sono stati pubblicati i risultati dello studio clinico PREMICE ( PREvention of MIgraine using the STS Cefaly ) sulla efficacia e sulla sicurezza di Cefaly, un dispositivo medico per la prevenzione della emicrania.Dal terzo mese di trattamento, una differenza statisticamente significativa è stata osservata nella percentuale di responder nel gruppo Cefaly, rispetto al gru […]

NeuroPace RNS System, un dispositivo per la riduzione delle crisi epilettiche

Un dispositivo neurologico sotto esame da parte della Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration ), ha contribuito a ridurre l’incidenza di crisi epilettiche, pur non au …
Ictus

Confronto tra Apixaban e Warfarin in pazienti con fibrillazione atriale e precedente ictus o attacco ischemico transitorio

Nello studio ARISTOTLE, il tasso di ictus o embolia sistemica è risultato ridotto con Apixaban ( Eliquis ), rispetto a Warfarin ( Couamdin ) nei pazienti con fibrillazione atriale.Pazienti con …
Poliradiculoneuropatia demielinizzante

Somministrazione per via endovenosa di Immunoglobulina versus Metilprednisolone per la poliradiculoneuropatia demielinizzante infiammatoria cronica

Le somministrazioni intravenose di Immunoglobulina ( IgIV ) e corticosteroidi sono efficaci come trattamento iniziale in pazienti con poliradiculoneuropatia demielinizzante infiammatoria cronica, ma s …
Malattia di Parkinson

FDA: Pramipexolo, un farmaco per il Parkinson, potrebbe essere associato a rischio di scompenso cardiaco

La Food and Drug Administration ( FDA ) ha informato gli operatori sanitari in merito a un possibile maggior rischio di scompenso cardiaco con l’uso di Pramipexolo, un farmaco impiegato per trattare i …
Sclerosi multipla

L’Interferone beta non ritarda la progressione della sclerosi multipla

In uno studio clinico, l’Interferone beta, il farmaco più ampiamente prescritto nel trattamento della sclerosi multipla, non ha mostrato alcun effetto nel ritardare la progressione della …

Sclerosi multipla: il Dimetilfumarato riduce le recidive, ma non la progressione della malattia

Un farmaco sperimentale per la sclerosi multipla, Dimetilfumarato ( anche noto come BG-12 ), ha dimostrato di essere efficace nel prevenire le recidive di malattia in due nuovi studi.Due studi di fase …
Sclerosi tuberosa

Everolimus altera la diffusione della materia bianca nella sclerosi tuberosa complessa

È stata condotta l’analisi del tensore di diffusione ( DTI ) su pazienti affetti da sclerosi tuberosa complessa per studiare possibili modifiche nel normale aspetto della sostanza bianca dopo i …